arrow-right_orange

Chi siamo

arrow-left_orange

Ragion d’essere della Fondazione

L’azione della Fondazione è iniziata quando, salvo alcune iniziative di carattere privato con costi non abbordabili per la maggior parte delle famiglie ticinesi, mancavano a livello concettuale e materiale corsi per i giovani nel periodo estivo. L’idea di coniugare lo studio delle lingue nel tempo libero con attività sportive e culturali fu subito vincente; di conseguenza la Fondazione ha ricoperto un ruolo didattico e di solidarietà assai significativo, tant’è che i corsi hanno avuto nel tempo un successo crescente e si sono sempre adattati alle esigenze dei giovani e delle loro famiglie (l’attività ha coinvolto inizialmente i giovani delle scuole medie ma si è poi estesa anche a quelli delle scuole elementari).
Un altro aspetto positivo è stata la volontà di mantenere i costi dei corsi a livelli sostenibili, usufruendo di sussidi dell’ente pubblico e chiedendo una partecipazione alle famiglie. Nel tempo le collaborazioni hanno coinvolto anche i Comuni, che aiutano attraverso sovvenzioni le famiglie meno fortunate, e dei Patriziati che organizzano attività culturali legate al territorio. La fondazione e i Rotary ticinesi sono fieri di quanto fatto negli oltre quarant’anni di attività.

La nostra storia

Nel 1980 a Bellinzona si sono aperte per la prima volta le porte di Lingue e Sport. Sulla base delle esperienze dei corsi polisportivi estivi e invernali di G+S Ticino a Tenero e ad Andermatt, ci si aspettava un centinaio di partecipanti. Ci sono invece stati ben 291 partecipanti!

Nel 1985, visto il successo dei corsi è stata formalizzata la fondazione I GIOVANI E LE LINGUE MODERNE NEL TEMPO LIBERO con un partenariato tra il Dipartimento dell’Educazione della Cultura e dello Sport del Cantone Ticino e gli allora 4 Rotary Club Ticinesi (RC Lugano, RC Locarno, RC Bellinzona e RC Mendrisiotto).

I soci fondatori sono stati: il Dr. Sergio Caratti, il Prof. Mario Delucchi e l’Avv. Gianfranco Cotti.

La fondazione da statuto ha quale scopo:

“L’organizzazione di attività educative per i giovani d’ambo i sessi del Cantone Ticino, al fine di incrementare lo studio e la pratica delle lingue moderne nel tempo libero, segnatamente attraverso l’organizzazione di soggiorni di vita comunitaria durante i quali la pratica delle lingue è integrata in opportune attività culturali, ricreative e sportive. La fondazione può decidere di estendere il proprio intervento anche a giovani non residenti nel Cantone Ticino.”

Alcune tappe importanti

Nel corso degli anni la Fondazione si è fatta promotrice dei corsi estivi Lingue e Sport avvalendosi delle competenze del servizio Gioventù e Sport per la componente organizzativa e sportiva e della Divisione Scuola del DECS per quanto attiene ai corsi di lingue.

Vi è stata una costante evoluzione e si sono aggiunte proposte di corsi in altre materie oltre alle lingue.• Nel 1990 sono state introdotte la matematica e l’informatica

  • Nel 1996 è stato introdotto il primo corso rivolto ai bambini in età scuole elementari
  • Nel 2004 vi è stata l’introduzione per tutti i corsi di una giornata sulla conoscenza del territorio, grazie al partenariato con Alleanza Patriziale ticinese. Negli anni le attività culturali legate al territorio sono cresciute in modo costante.
  • Nel 2009 è stato proposto il primo corso Luglio Bimbi rivolto ai bambini che frequentano l’ultimo anno delle scuole dell’infanzia.
  • Nel 2010, con il 30esimo è stata effettuata un’azione di ricapitalizzazione della Fondazione con i 5 Rotary Club.
  • Nel 2013 sono stati introdotti i corsi di robotica.
  • Nel 2014 si è tenuto il primo Corso Rotary Youth Exchange.
  • Nel 2019 con il DECS è stato proposto il primo corso Italiando (www.italiando.ch).
  • Infine nel 2019 con il DECS si è svolto il primo corso rivolto agli Apprendisti della Confederazione.

Il primo Consiglio di Fondazione era così composto:

Gianfranco Cotti Presidente (RC Locarno)
Sergio Caratti vice-Presidente (RC Bellinzona)
Mario Delucchi vice Presidente Scuole
Piero Früh membro (RC Lugano)
Fernando Pedrolini membro (RC Mendrisiotto)
Carlo Speziali membro DECS

La struttura organizzativa attuale

La Fondazione vede il Consiglio di Fondazione composto dalle seguenti persone.

Presidente:
Christophe Leuenberger-Verzasconi (Rotary Bellinzona)
Vicepresidente:
Pierre Gervasoni (Rotary Bellinzona)
Membri:
Paolo Caroni (Rotary Locarno),
Giovanni Taddei (Rotary Lugano),
Andrea Grassi (Rotary Lugano Lago),
Rino Fasol (Rotary Mendrisio),
Bixio Caprara (Rotary Bellinzona),
Emanuele Berger (rappresentante dir. DECS),
Daniele Bianchetti (rappresentante della scuola),
Marco Bignasca (segretario del Consiglio di Fondazione),
Alessandro Lava (Capo Ufficio dello sport).

La Fondazione è dotata di una Direzione generale e di un segretariato stabili che si occupano di dirigere e gestire tutte le attività e dell’esecuzione delle decisioni del Consiglio di fondazione. La Direzione è affidata a Joël Rossetti, la parte contabile è gestita da Michela Vetti e la gestione amministrativa da Martina Silva.

In 40 anni di storia. . .

Negli anni c’è stata un’evoluzione nell’offerta per stare al passo con i tempi. D’altro canto sono stati mantenuti ben saldi i principi alla base della Fondazione che ne hanno sempre garantito il successo.

La Fondazione è fondata su dei valori che fanno da linea guida nelle relazioni con gli stakeholder interni ed esterni. I valori che contraddistinguono la Fondazione sono:

Professionalità: è un valore centrale in tutti gli ambiti di attività della Fondazione. I corsi sono organizzati con personale formato quali docenti per le parti di insegnamento e monitori qualificati per le parti sportive.

Qualità: l’attenzione al dettaglio è fondamentale nei servizi offerti, questo sia per la parte di insegnamento che per la parte sportiva. Vi è un continuo processo di apprendimento per potersi sempre migliorare.

Fiducia: la coerenza tra le parole e le azioni è essenziale in modo da instaurare un rapporto di fiducia sia verso i clienti che tra i collaboratori all’interno della Fondazione.

Prossimità: Vicinanza ai bisogni dei clienti con un dialogo continuo volto a percepire i bisogni e le mutazioni negli anni.